CHE ORE SONO ALL’OROLOGIO DELLA VITA ? Per una buona gestione del proprio tempo (da Metropolis ai giorni nostri)

      FIG. 1: dal film “Metropolis”, di Fritz Lang (1927)   Sant’Agostino (354 – 430), grande uomo di marketing delle proprie idee, a proposito del tempo è stato molto esplicito e chiaro: “Io so che cosa è il tempo. Ma se qualcuno mi chiede: ‘Che cos’è il tempo?’, allora non lo so più.” …

C’era una volta… Fiabe eterne che non rispondono a logiche economiche (di storie non c’è mai penuria)

Ci sono molti modi per accostarsi al tema “denaro”: i numeri e le statistiche, l’approccio economico e l’indagine sociologica, l’inchiesta storica e la meditazione filosofica… Incerta sullo stile da adottare, ho pensato che per avviare una riflessione sul denaro nessun autore fosse più adatto e autorevole di Marx. No, non Karl ma Groucho Marx. “Naturalmente …

LA BAMBOLA E LA BAMBINA (Lo stupore dell’esistenza è sempre a disposizione)

Franz Kafka (1883-1924) e Dora Diamant (1898-1952) vivevano un presente di stenti e di futuro, forse, non amavano discorrere. Non avevano denaro per comperare il pane e il carbone, per pagare l’affitto, per pagare il gas e la luce. Il poco cibo veniva spesso scaldato con la fiamma della candela. Siamo nella Berlino del 1923/24, …

SUL PALCOSCENICO DELLA VITA ENTRA IN SCENA L’ERRORE

In ogni errore giace la possibilità di una storia Gianni Rodari Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore Bertolt Brecht Se c’è una cosa che mi manda in bestia è sbagliare. Sbagliare scelte, sbagliare momento, sbagliare valutazione, accorgersi che si sono compiuti un certo numero di errori nella propria vita è quantomeno seccante. …

PSICOLOGI AL CONFINE: FOLKLORE DI GUERRA. UNA RIFLESSIONE DI AGOSTINO GEMELLI SULLA PSICOLOGIA DEL SOLDATO DURANTE LA GRANDE GUERRA (E DALLA PSICOLOGIA DEL SOLDATO ALLA PSICOLOGIA DEL VOLONTARIO…)

L’utilizzo di enormi eserciti di massa e dunque l’organizzazione di flussi costanti di soldati attraverso i paesi e le linee del fronte, l’impiego su larga scala di una tecnologia bellica avanzata nonché l’adattamento della struttura economica all’attività militare, furono solo alcuni degli elementi che fecero del primo conflitto mondiale un evento senza precedenti. La guerra …

TRA CAOS E COSMO (RIDISEGNARE COSTE E PUNTI DI VISTA) CONFINE E FRONTIERA NEL MONDO DEL VOLONTARIATO

Il confine è una figura di profonda ambivalenza. Lo sapevano bene i latini, per cui il limen era insieme via e frontiera, limite e percorso, termine e traccia. Il confine, infatti, è il perimento dell’esclusione e l’avamposto dell’accoglienza; il lungo abbraccio dell’addio e la corsa scomposta del ricongiungimento; l’imposizione tagliente di una costrizione e la …

REGOLE CHE CURANO. Il “metodo originale” dello psicologo Giulio Cesare Ferrari: L’efficacia terapeutica del lavoro attivo (uno spunto utile e interessante per volontari ed educatrici che gestiscono comunità infantili)

Giulio Cesare Ferrari fu uno studioso di fama internazionale, in contatto con i più celebri scienziati europei e impegnato sia nella ricerca scientifica che nell’attività clinica: già Direttore del Manicomio di Imola dal 1907 al 1924, concluse la sua carriera alla direzione dell’Ospedale psichiatrico Roncati di Bologna dal 1924 al 1932, anno in cui moriva …