SALUTO RISPETTOSO ALLA PENA E ALLA COLPA. LA POESIA ENTRA IN CARCERE E EDUCA ALLE EMOZIONI

Parlare delle proprie emozioni non è mai facile; spesso ci troviamo quotidianamente a fare fatica a mostrarle, soprattutto quando queste mettono in luce la nostra fragilità. Una fatica ancora maggiore viene provata da ragazzi cresciuti in contesti difficili e che si ritrovano ad affrontare percorsi nel sistema penale (nel carcere minorile oppure in messa alla …

L’OBIETTIVO È “FAR SBOCCIARE”, NON “BOCCIARE”. UN PROTOCOLLO OPERATIVO PER DOCENTI, PSICOLOGI, EDUCATORI, VOLONTARI E PER UVI TUTTA.

Alessandro D’Avenia è titolare della rubrica “Ultimo banco”, pubblicata ogni lunedì sul Corriere della Sera. Lo scorso 20 giugno 2022 l’intervento si intitola, appunto, “bocciare”. Ne sintetizziamo solo alcuni passaggi (lo spazio non ci consente di riprodurre tutto l’articolo, per altro di complessivo e piacevole interesse. A pagina 25, con un richiamo in prima). Scrive …

“CANTIAMO CON VOCE GIULIVA. LA NASCITA PROVVISORIA. LA MORTE DEFINTIVA”. BAMBINI E BAMBINE SI CHIEDONO E CHIEDONO: PERCHÉ LE GUERRE?

Quando pensiamo alla guerra, il pensiero corre subito all’Ucraina: forse per la vicinanza geografica e per le pesanti ripercussioni che questa guerra ha a livello globale (come illustrato nel precedente articolo, “Un cerchio di fuoco avvolge il pianeta e i suoi abitanti”), questo dramma ha invaso brutalmente le nostre vite. È giusto essere solidali con …

DISCORRENDO DI DIDATTICA E SOCIETÀ INCLUSIVA CON TRE GIOVANI COMPAGNE DI VIAGGIO: BIANCABLU, FRAGOLINA,  TESTACUORETEMPESTA

Biancablu, Fragolina e Testacuoretempesta (pseudonimi che hanno scelto in creativa sostituzione del proprio nome e cognome) sono tre ragazze che frequentano l’ultimo anno dell’Indirizzo Socio-Sanitario, a Milano, e che hanno trascorso in UVI un mese all’interno del progetto “Alternanza Scuola-Lavoro”. Abbiamo ritenuto di sentirne il parere rispetto al concetto di scuola e didattica inclusiva. All’invito …

UN CERCHIO DI FUOCO AVVOLGE IL PIANETA E I SUOI ABITANTI. NE DISCUTE STEFANIA VACCARINO, CORRISPONDENTE UVI.

Un quadro devastante quello descritto dalla nostra corrispondente.  Un oceano disperante in cui annegano milioni e milioni di bambini e bambine. Maria Teresa di Calcutta ebbe a suo tempo notato: “Ciò che faccio non è che una goccia nell’oceano esistenziale che lambisce le coste del mondo. Ma senza questa goccia, l’oceano non sarebbe l’oceano”.  Così …

PROBLEMA: PARE CHE ALL’ORIZZONTE NON VI SIA UN NOVELLO NOÈ CON LA SUA ARCA SALVIFICA.

“Il SIGNORE vide quanto fosse la malvagità degli uomini sulla terra e come ogni piano escogitato dai loro cuori non fosse che male, ogni giorno. Così il SIGNORE si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. Disse il SIGNORE: «Cancellerò dalla faccia della terra l’uomo che ho creato …