ASCOLTARE L’ IMMENSO CHE COMUNQUE ILLUMINA IL PRESENTE

Pare difficile uscirne, anche e forse perché i comportamenti soggettivi e di gruppo non sono adeguati alla situazione pandemica che stiamo vivendo. Abituarsi allora ad ascoltare le vibrazioni emotive che le parole evocano può essere di un qualche giovamento. Per la seconda volta, Philippo Gasparini ci offre un mazzetto di parole illuminanti LUCE IMMENSA IDEA …

COLORARE LA VITA DI PAROLE

Colorare la vita di parole è un accorgimento particolarmente utile in questo periodo di pandemia. E un esempio ce lo propone un giovane artista, Philippo Gasparini, con la sua “Amica” e con il quadro “Mare infranto”. Volentieri pubblichiamo il suo contributo. AMICA SOSPESO NELL’IMMATERIALE, IMMAGINIFICI TOCCHI DI CELESTE. TACE IL RUMORE. RIFLESSI DI PENSIERO VIAGGIANO …

JOHNNIE SATRE, STORIA DI UN BAMBINO DISUBBIDIENTE CHE CHIEDE DRAMMATICAMENTE SCUSA

Johnnie, uno di tanti. E tutti dormono sulla collina di Spoon River. Ascoltiamo la sua storia. JOHNNIE SATRE Babbo, non potrai mai sapere quanta angoscia mi strinse il cuore, per la mia disubbedienza, quando sentii la ruota spietata della locomotiva mordermi nella carne viva della gamba. Mentre mi portavano dalla vedova Morris vidi ancora nella …

SCRIVERE IL PROPRIO CV E RACCONTARE DI SE STESSI

A tutti è capitato o capiterà di scrivere il proprio CV, magari dovendosi attenere all’orribile Modello Europeo. Se i burocrati che l’hanno redatto avessero letto la poesia di Wiszlava Szymborska, si sarebbero forse guardati bene dall’imporre l’obbrobrio che, come un fantasma, si aggira per l’Europa. Dire di se stessi e raccontarsi riguarda il proprio spazio …

ALDA MERINI, UGO FOSCOLO E WISLAWA SZYMBORSKA SALUTANO CHI SE NE E’ ANDATO ABBRACCIATO DALLA SOLITUDINE

Andrà senz’altro tutto bene. Ma non altrettanto si può dire per chi è stato portato via dal virus e, il più delle volte, dall’incuria. Ai padri, alle madri, ai figli di tutti costoro si avvicina, delicata, la Poesia con le sue parole di (forse inutile) consolazione. E’ un petalo la tua memoria che si adagia …

QUANDO GLI AMICI MUOIONO

Quando gli amici muoiono la cosa più pungente è il ricordo di come si muovevano da vivi, in qualche precisa occasione; come vestivano in certe domeniche, una pettinatura, qualche piccolo gesto ch’essi soli facevano e che ora è perduto nel sepolcro. Come furono ardenti un certo giorno: quasi potresti ritrovar la data, tanto sembra vicina: …