STANNO I GIORNI FUTURI INNANZI A NOI (RACCOGLI LE TUE PENE E VIENI VIA CON ME)

CANDELE

Stanno i giorni futuri innanzi a noi

come una fila di candele accese,

dorate, calde e vivide.

Restano indietro i giorni del passato,

penosa riga di candele spente:

le più vicine danno fumo ancora,

fredde, disfatte e storte.

Non le voglio vedere: m’accora il loro aspetto,

la memoria m’accora del loro antico lume.

E guardo avanti le candele accese.

Non mi voglio voltare, ch’io non scorga, in un brivido,

come s’allunga presto la tenebrosa riga,

come crescono presto le mie candele spente.

COSTANTINO KAVAFIS (1863 – 1933)

Sembra quasi che “I Ragazzi delle 4 Province”, dopo aver letto la poesia di Kavafis, si siano dati appuntamento per cantare “Alle 11 di sera” (la si può ascoltare su Youtube). Canzone popolare dove appunto tre candele, con il brillio di tre fiammelle seppur fioche, consentono ai focherelli del vissuto amoroso, di non spegnersi:

[…]

Raccogli le tue pene

e vieni via con me.

Ci rivedremo in cielo

davanti a tre candele:

si spegneran le stelle

ma l’amore no e poi no.

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...