SOGNARE E ASCOLAR FIABE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Scrive Bruno Bettelheim: “Le ricerche sul sogno hanno mostrato che una persona privata della possibilità di sognare, anche se non privata del sonno, è menomata nella sua capacità di misurarsi con la realtà; cominciano a manifestarsi turbe emotive perché non può elaborare nei sogni i problemi inconsci che la turbano. Forse un giorno potremo dimostrare sperimentalmente il medesimo fatto in rapporto alle fiabe”.
E questo giorno pare sia arrivato. Alla porta delle giornate che stiamo vivendo ha bussato COVID19 e non abbiamo potuto fare a meno di accoglierlo. Ma, seduti davanti al nostro caminetto esistenziale, non è riuscito a distrarci. Al contrario, ci ha trovati intenti a raccontar e ascoltar fiabe. Con i sogni che, a loro volta, ci hanno suggerito come vedere l’invisibile e quindi quali strategie adottare per non averne paura.
*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...