IN UVI SI CUCE E SI RICAMA IL TESSUTO DEI DIRITTI INFANTILI.

LA TESTIMONIANZA DI ELEONORA ALVIGINI, INTERPRETE DELLO SPIRITO ASSOCIATIVO

Lo studio, fin dalle prime classi della scuola primaria, è prima di tutto un diritto di ciascun bambino, solo che nella realtà dei fatti, non tutti i bambini hanno poi la possibilità di goderne appieno i relativi benefici. L’intervento di sostegno promosso da UVI si rivolge proprio ai bambini che, di qualsiasi nazionalità siano, si trovano in situazioni di disagio o difficoltà che ne condizionano gli apprendimenti. Le relazioni significative e le esperienze positive sono strumenti efficaci e preziosi che i volontari UVI mettono in campo nell’aiuto didattico settimanale. Dopo un incontro fra volontari e insegnanti si decidono gli abbinamenti con gli scolari. Si stabiliscono giorni e orari precisi che è bene mantenere nel tempo. In caso di difficoltà e impossibilità a presentarsi in aula, i volontari avvisano per tempo gli insegnanti di classe. Lo stesso vale al contrario: gli insegnanti sono tenuti ad avvisare i volontari incaricati nella propria classe, in caso di assenza dello scolaro preso momentaneamente in carico. Come tutti i progetti sostenuti da UVI, anche questo è coordinato e monitorato da specialisti sempre disponibili al confronto e all’eventuale aiuto pedagogico necessario.

Storicamente le scuole a cui Uvi offre il proprio contributo a vantaggio dei bambini più in difficoltà sono soprattutto le primarie e le secondarie di primo grado.

Grazie al lavoro assiduo e costante dei nostri volontari, in sinergia con dirigenti e insegnanti, possiamo testimoniare il raggiungimento di obiettivi quali: il miglioramento delle capacità di apprendimento, la diminuzione del gap fra le potenzialità personali (che senza aiuto sono molto limitate) e il raggiungimento degli obiettivi scolastici e, infine, il sostegno emotivo, funzionale a migliorare le relazioni dei bambini sostenuti.  Il sostegno è rivolto a uno o più bambini con i quali stringere una relazione sempre più significativa e continuativa. Il tipo di intervento è pensato e pianificato in stretta collaborazione con l’insegnante presente, che condivide con i volontari disponibili gli obiettivi di riferimento.

Per esperienza – personale e di gruppo – abbiamo capito che è necessaria una certa flessibilità nella gestione del sostegno dentro e fuori dalla classe a seconda delle caratteristiche del bambino seguito, delle materie di studio e delle difficoltà incontrate. È bene condividere con l’insegnante, anche solo in 5 minuti, eventuali informazioni, tenendo ben presente gli obiettivi per singolo caso. Il sostegno proposto da UVI non è pensato come pura serie di esecuzione di compiti, ma come intervento relazionale dove le azioni didattiche sono occasione di supporto relazionale, ciò per cui i nostri volontari sono opportunamente formati.

L’efficacia delle modalità di supporto attivate attraverso questo progetto è testimoniata sia dai progressi negli apprendimenti che nei comportamenti dei bambini seguiti, che dalla soddisfazione di insegnanti e genitori. A riprova di questo c’è un fatto: molto spesso i bambini stabiliscono un rapporto di amicizia che dura nel tempo con le volontarie che li hanno seguiti, anche dopo la fine del ciclo scolastico.

ELEONORA ALVIGINI

One Reply to “IN UVI SI CUCE E SI RICAMA IL TESSUTO DEI DIRITTI INFANTILI.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: