CANDELE

Stanno i giorni futuri innanzi a noi

come una fila di candele accese-

dorate, calde e vivide.

Restano indietro i giorni del passato,

penosa riga di candele spente:

le più vicine danno fumo ancora,

fredde, disfatte e storte.

Non le voglio vedere: m’accora il loro aspetto,

la memoria m’accora del loro antico lume.

E guardo avanti le candele accese.

Non mi voglio voltare, ch’io non scorga in un brivido,

come s’allunga presto la tenebrosa riga,

come crescono in fretta le mie candele spente.

Costantino Kavafis (1863 – 1933)

Ricordando l’accendersi e lo spegnersi delle nostre attese, speranze, amori. E quanto importante sia proteggere dal vento della vita la fiamma delle nostre candele, fattesi tempo, giornate e ricordi.

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...