DR. GOOGLE NON HA QUASI MAI RAGIONE. ANZI: HA QUASI SEMPRE TORTO.

Daniele Corbo  aggiorna costantemente i visitatori del proprio sito “Orme Svelate” in relazione a temi sempre interessanti e attuali. La riflessione che pubblichiamo volentieri riguarda l’ormai consolidata e diffusa abitudine di cercare in Google la risposta ai propri problemi in generale e in particolare ai problemi di salute. L’attenersi e fidarsi di ciò che ci dice il dr. Google e delle informazioni che ci trasmette può essere pericoloso e la ricerca presentata da Daniele Corbo lo dimostra.

****

Molte persone si rivolgono a “Dr. Google” autodiagnosticandosi i propri sintomi circa eventuali malattie invece di consultare un medico, ma i controlli dei sintomi online sono accurati solo circa un terzo delle volte, secondo la nuova ricerca della Edith Cowan University (ECU) pubblicata in questi giorni sul Medical Journal of Australia. Lo studio ha analizzato 36 “controllori” di sintomi in tutto il mondo basati sul web e ha scoperto di aver prodotto la diagnosi corretta come primo risultato solo il 36 percento delle volte e tra i primi tre risultati il ​​52 percento delle volte. La ricerca ha anche scoperto che i consigli forniti su quando e dove cercare l’assistenza sanitaria erano accurati nel 49% dei casi. È stato stimato che le ricerche relative alla salute di Google ammontano a circa 70.000 ogni minuto. Circa il 40 percento degli australiani cerca informazioni sanitarie online per curarsi da soli. I risultati dovrebbero far riflettere le persone. Mentre può essere allettante utilizzare questi strumenti per scoprire cosa potrebbe causare i tuoi sintomi, il più delle volte sono inaffidabili nel migliore dei casi e possono essere pericolosi nel peggiore dei casi. I controllori dei sintomi online chiedono agli utenti di elencare i loro sintomi prima di presentare possibili diagnosi. Il consiglio di triage riguarda se o quanto velocemente l’utente dovrebbe consultare un medico o andare in ospedale. I controllori dei sintomi online potrebbero fornire un falso senso di sicurezza. Siamo stati tutti colpevoli di essere “cybercondriaci” e di cercare su Google al primo segno di una seccatura o mal di testa. Ma la realtà è che questi siti Web e app devono essere visualizzati con molta cautela in quanto non guardano l’intera immagine, non conoscono la tua storia medica o altri sintomi. Le persone che mancano di conoscenze sulla salute, possono pensare che i consigli che vengono loro forniti siano accurati o che le loro condizioni non siano gravi quando possono esserlo. La ricerca ha scoperto che i consigli di triage, ovvero quando e dove cercare assistenza sanitaria, hanno fornito risultati più accurati rispetto alle diagnosi. Hanno trovato che i consigli per la ricerca di cure mediche per casi di emergenza e cure urgenti erano appropriati circa il 60 percento delle volte, ma per le emergenze che sono scese dal 30 al 40 percento. Generalmente il consiglio di triage ha commesso un errore dal lato della cautela, che in qualche modo è buono ma può portare le persone ad andare in un pronto soccorso quando non ne hanno davvero bisogno. I controllori dei sintomi online possono avere un posto nel moderno sistema sanitario. Questi siti non sono un sostituto per andare dal medico, ma possono essere utili nel fornire ulteriori informazioni dopo aver ricevuto una diagnosi ufficiale. Si sta anche vedendo che i controllori dei sintomi vengono utilizzati con buoni risultati con l’attuale pandemia di COVID-19. Ad esempio, il National Health Service del Regno Unito sta usando questi strumenti per monitorare i sintomi e le potenziali posizioni “hot spot” per questa malattia su base nazionale. Va sottolineata la mancanza di regolamentazione del governo e la garanzia dei dati come problemi importanti alla base della qualità dei controllori dei sintomi online. Non esiste una reale trasparenza o convalida sul modo in cui questi siti acquisiscono i loro dati. Hanno anche scoperto che molti dei siti internazionali non includevano alcune malattie esistenti, come la febbre di Ross River e il virus Hendra, e non elencano i servizi relativi a tutte le nazioni.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The quality of diagnosis and triage advice provided by free online symptom checkers and apps in Australia”. by Michella G Hill et al. Medical Journal of Australia

Pubblicato da Daniele Corbo (Orme Svelate) il 20 maggio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...