DOMANDA

Ho fame di parole, di sensi e di pensieri
di piogge, di calore, di cammini veritieri.
Potresti tu cantarmi con note misteriose,
il bello del creato, i gigli e le mimose?
Ho sete di sapienza di gusto e di carezze
ti prego non spezzare i dubbi e le certezze
che cerco con fierezza in questi rozzi versi
appresi senza studio, amati e poi dispersi.
E se tu ti riprendessi i frutti del mio vanto
saresti tu la prima a spezzare quest’incanto
che al cuor comanda e grida
con genio e con perizia
dov’è l’amore mio, feroce ed omicida
che pur superbo e irace
l’animo mio delizia?
E voi che qui leggete i versi d’un ignoto
credete veramente che vivere e soffrire
sia tanto più opportuno che scrivere e morire
cercando e mai trovando, le impronte d’un dio remoto?
Pubblicato da Poesiesmarrite

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...