SIAMO TUTTI CAVALIERI CHE GIOCANO A SCACCHI CON IL TEMPO

Ognuno a proprio modo gioca a scacchi con il Tempo che, a volte, si traveste con l’abito della Morte. Un po’ come è capitato al Cavaliere Antonius Block, di ritorno dalla Crociata:

Cavaliere: Chi sei?

Morte: Sono la Morte

C.: Sei venuta a prendermi?

M.: È già da molto che ti cammino al fianco

C.: Me n’ero accorto

M.: Sei pronto?

C.: È il mio corpo che ha paura, non io

Inizia così una partita a scacchi dall’esito prevedibile: vincerà il nero (un colore che, del resto, si addice alla Morte…). Al Cavaliere resta comunque una soddisfazione:

«Questa è la mia mano. Posso muoverla, sentire il mio sangue che pulsa. Il sole è ancora alto nel cielo e io, io, Antonius Block, gioco a scacchi con la Morte».

Un invito a giocare la nostra partita rispettandone le regole, con civiltà e rispetto, per se stessi, per gli altri e per il mondo.

Riferimento bibliografico:

Ingmar Bergman, Il Settimo Sigillo, Milano, Iperborea, 1994

Fonte iconografica:

W. Kroupa, Partita a scacchi con il diavolo, 1850 ca

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: