UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE

“…uomini siate e non pecore matte…” (Dante, Par, V, 80)

Se Dante vivesse ai giorni nostri, probabilmente invertirebbe i termini del verso: “…pecore siate e non uomini matti…” Rivalutando la mansueta e sensibile intelligenza di un essere vivente che, per definizione – e al contrario degli esseri umani – ha scelto di non far male a nessuno.

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...