CI CONOSCIAMO ABBASTANZA PER POTER DIRE “TI AMO”? IL PUNTO DI VISTA DI FRANZ KAFKA.

Il 25 marzo 1914, Franz Kafka scrive a Felice Bauer:

[…] Ora, se me lo chiedi, posso dire soltanto: ti amo, F., fino all’estremo delle mie forze, qui puoi aver piena fiducia in me. Ma per il resto, F., non mi conosco abbastanza. Subisco sorprese e delusioni in una frequenza interminabile. Queste sorprese e delusioni ci saranno, penso, soltanto per me; impiegherò tutte le energie perché giungano a te soltanto le buone, le migliori sorprese della mia natura; questo posso garantire, non posso invece garantire che mi riesca sempre […]

____

E noi pensiamo di poter dire ad uno qualsiasi dei nostri interlocutori “Puoi avere fiducia in me?” Come pensiamo di poter convivere e gestire le nostre sorprese e le nostre delusioni?

Riferimento bibliografico: Franz Kafka, Lettere a Felice, 1912 – 1917, Milano, Mondadori, 1972

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...