C’È DEL MARCIO, E NON SOLO IN DANIMARCA. DI QUI IL CONSIGLIO DI POLONIO A LAERTE, SUO FIGLIO: «ACCOGLI SEMPRE L’OPINIONE ALTRUI, MA PENSA A MODO TUO». UN CONSIGLIO VALIDO ANCHE PER TUTTI NOI.

Mentre Amleto – principe di Danimarca – segue lo spettro di suo padre, Marcello e Orazio (amici del principe) si intrattengono ancora per un po’ sugli spalti del castello di Elsinore. È circa mezzanotte e Marcello non può fare a meno di commentare, esclamando: «C’è del marcio in Danimarca».

E che ci sia qualcosa che non va allora come oggi, è fuor di dubbio.

Siamo all’inizio della Tragedia di Amleto (William Shakespeare, 1564-1616) e ciò che lo spettro svela ad Amleto ha un pieno senso metaforico anche per le vicende che ciascuno di noi sta vivendo nel succedersi delle nostre strane e inquietanti giornate. È stato avvelenato dal proprio fratello che subito dopo ne ha sposato la moglie. Ma come è stato avvelenato? Dormiva tranquillo in giardino e Claudio (suo fratello e zio di Amleto) gli versa un potente veleno nell’orecchio.

Ecco allora il punto: non sarà, per caso, che qualcuno – a nostra insaputa – ci stia avvelenando con false e contrastanti informazioni, soffiandocele nell’orecchio? In fondo, vista e udito stanno registrando scampoli di comunicazione che, ad un’analisi attenta, risulta in un qualche modo, velenosa. La nostra ragione ne viene assopita e quasi ibernizzata. Ascoltiamo dunque le opinioni di tutti (nel nostro caso: specialisti e virologi) ma impariamo a pensare a modo nostro.

Scrive del resto, in epoca non sospetta, Carroll Quigley (1910-1977), storico e teorico americano della evoluzione delle civiltà: «Tutto è troppo importante per essere affidato a professionisti esperti, perché ogni organizzazione di tali professionisti ed ogni organizzazione sociale stabilita, diventa un’istituzione di interessi mascherata, preoccupata più dei suoi sforzi di mantenere se stessa o di promuovere i suoi propri interessi, che di raggiungere lo scopo che la società si aspetta essa raggiunga».

Beninteso: non si colga l’occasione per sventolar la bandiera del negazionismo. I morti ci sono e abbiamo potuto contarli a migliaia e migliaia. Ciò non toglie che ci si debba predisporre ad un ascolto attivo. E al riguardo il migliore vaccino lo si può rintracciare nella lettura (anche e forse soprattutto dei Classici) e nella memoria, vestita con l’abito colorato della critica costruttiva.

Indicazioni bibliografiche:

  • Il testo della Tragedia di Amleto, principe di Danimarca, può essere agevolmente scaricato da TheVirtualLibrary.org
  • L.S.Vygotskij, La Tragedia di Amleto, Roma, Editori Riuniti, 1973
  • La citazione da Carroll Quigley è tratta da: Ipse Dixit (20 febbraio 2021). Un sito che val la pena di consultare, almeno di tanto in tanto.

*

One Reply to “C’È DEL MARCIO, E NON SOLO IN DANIMARCA. DI QUI IL CONSIGLIO DI POLONIO A LAERTE, SUO FIGLIO: «ACCOGLI SEMPRE L’OPINIONE ALTRUI, MA PENSA A MODO TUO». UN CONSIGLIO VALIDO ANCHE PER TUTTI NOI.”

  1. Una riflessione densa di significato: è sicuramente vera la necessità di affidarsi ad esperti e professionisti, ma è anche giusto e importante non accogliere alla cieca il loro sapere bensì informarsi a riguardo, capire, approfondire e conoscere le loro opinioni per farsi un’idea a riguardo.
    A mio parere, il rispetto dell’opinione altrui è fondamentale, ma lo sviluppo di un proprio pensiero critico lo è altrettanto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...