UNA TAZZA DI TE’

Nan-in, un maestro giapponese dell’era Meiji (1868-1912), ricevette la visita di un professore universitario che era andato da lui per interrogarlo sullo Zen. Nan-in servì il tè. Colmò la tazza del suo ospite e poi continuò a versare. Il professore guardò traboccare il tè, poi non riuscì più a contenersi: «La tazza è ricolma. Non ce ne sta più»

«Come questa tazza» disse Nan-in «tu sei ricolmo delle tue congetture e delle tue opinioni. Come posso spiegarti lo Zen se prima non vuoti la tua tazza?».

Il che, tra l’altro, ricorda alla lontana una canzone di Francesco Guccini: «Vedi, cara, non puoi capire se non hai capito già».

*

2 Replies to “UNA TAZZA DI TE’”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...